Pescara Napoli 2-2, Mertens il migliore degli azzurri, delude Gabbiadini

Cliccare sull'immagine per ingrandire
Cliccare sull’immagine per ingrandire

Reina – 6: un po’ d’indecisione in occasione del primo gol. Forse poteva uscire un attimo prima. Sul secondo è completamente incolpevole. Para bene il tiro ravvicinato di un attaccante del Pescara. Nella ripresa corre pochii pericoli.

Hysaj – 6: offre un discreto contributo in fase propositiva, soprattutto nel secondo tempo, ma si avventura in alcune azioni difensive, palla al piede, che mettono i brividi. Bravo sul cross che permette a Mertens di realizzare il gol del pareggio.

Koulibaly – 5: non è il solito Koulibaly ammirato lo scorso anno, forse perché distratto dalla faccenda del rinnovo del contratto. È uno dei principali protagonisti del blackout generale della squadra visto nel primo tempo. Ha qualche responsabilità su entrambi i gol degli abruzzesi.

Albiol – 5: anche lui piuttosto distratto nei primi 45 minuti, concede campo e giocate agli avversari che si trasformano in “fenomeni “. Un po’ meglio nella ripresa quando alza sensibilmente la linea difensiva.

Ghoulam – 5: gioca maluccio in entrambe le fasi. Non recupera in occasione del primo gol del Pescara e non indovina un solo cross. E poi, per favore, se ne stia lontano dai calci di punizione: qualcuno ricorda un suo tiro che abbia centrato lo specchio della porta?

Allan – 5,5: anche per il brasiliano un primo tempo da dimenticare. Meglio nella ripresa quando va a pressare alto i centrocampisti e i difensori avversari costringendoli spesso all’errore.

Valdifiori – 5: qualche discreto lancio in profondità e un bel tiro dalla distanza non bastano per meritarsi la sufficienza. La differenza col volume di gioco garantito da Jorginho è abissale, sia in fase di costruzione del gioco sia in quella di contenimento. È spesso surclassato in mezzo al campo dai colleghi di reparto avversari.

Hamsik – 5,5: neanche lui gioca una gran partita. Si limita a svolgere il minimo sindacale quasi come se non avesse voglia. A metà ripresa chiede stranamente il cambio. Stanchezza o c’è qualche scricchiolio nello spogliatoio? (Dal 72° Zielinski – 6: entra subito in partita dimostrando di essere un ottimo acquisto. Si procura un calcio di rigore incredibilmente revocato dall’arbitro).

Callejon – 6: ancora una volta dimostra di essere uno degli uomini fondamentali per il gioco di Sarri. Trova spesso i tempi giusti per incunearsi in area di rigore creando seri pericoli alla difesa avversaria. Spettacolare il tiro a volo in diagonale (alla Van Basten) che passa a pochi centimetri dal palo.

Gabbiadini – 4,5: Sarri gli dà fiducia e lo schiera da titolare, ma ancora una volta il ragazzo lo delude con una prestazione imbarazzante. Gioca poco per i compagni e non tira una sola volta in porta. È sempre avulso da un gioco che sembra proprio non appartenergli. Sarà pure un goleador formidabile, ma con questo modulo sarà difficile dimostrarlo. (Dal 53° Milik – 6,5: entra e dimostra subito di essere un giocatore potente e di qualità. Dialoga bene con i compagni e si rende pericoloso con un bel tiro in diagonale che impensierisce seriamente Bizzarri).

Insigne – 5: non è in un buon momento e lo dimostra quando s’intestardisce in inutili dribbling che non portano a nulla. Faccia presto a risolvere i problemi legati al rinnovo del contratto e ritorni a giocare a livelli accettabili. (Dal 53° Mertens – 8: entra e cambia la partita. Dà la carica ai compagni e con due gol, il primo splendido, salva la frittata. Farà molto discutere lo sguardo rivolto alla panchina dopo aver segnato il secondo gol. Ripetiamo: c’è forse qualche scricchiolio nello spogliatoio?).

Sarri – 5,5: Nel primo tempo la squadra è stata l’ombra di quella vista nelle gare amichevoli di precampionato, permettendo così al brillante Pescara di Oddo di fare la partita. Nella ripresa le cose sono andate meglio grazie all’apporto di Mertens, Milik e Zielinski. Forse per l’allenatore azzurro è giunto il momento di rivedere alcune convinzioni sulle gerarchie nello spogliatoio e far giocare chi in campo ci va con la concentrazione e la determinazione giusta.

Roberto Rey

Roberto Rey
Informazioni su Roberto Rey 788 Articoli
Vignettista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*