Quello della punta nerazzurra sarebbe un colpo straordinario a patto però che non si sacrifichi Milik

Finora il mercato del Napoli è stato ottimo. Manolas, Di Lorenzo, Elmas e Lozano sono tutti calciatori indicati da Ancelotti alla dirigenza che è stata brava nel concludere le varie trattative. Ora, in attesa degli sviluppi della telenovela James, tutta l’attenzione è puntata su Icardi che, dopo il rinnovo di Dzeko con la Roma, potrebbe accettare le offerte del Napoli e trasferirsi a breve all’ombra del Vesuvio. Quello della punta nerazzurra sarebbe un colpo straordinario che migliorerebbe sensibilmente il potenziale offensivo della squadra, a patto però, che non si sacrifichi Milik per ottenerla. Sostituire il polacco con Icardi, non avrebbe senso. L’attaccante azzurro, infatti, ha finora dimostrato di poter garantisce una ventina di gol a campionato (senza battere i rigori). Con l’argentino al suo posto se ne segnerebbero forse 5 o 6 in più, cosa per la quale non varrebbe la pena un investimento tanto gravoso. Avendoli entrambi in rosa, invece, alternandoli o magari facendoli giocare insieme in talune partite, con il polacco più arretrato, sarebbe tutta un’altra storia.

Qualcuno, a questo punto, potrebbe obiettare che De Laurentiis non ha la forza economica per acquistare la punta interista senza cedere Milik. Bene, se ciò fosse vero viene da chiedersi il perché di un’offerta di 80 milioni al Lilla per Pepé, che di sicuro avrebbe giocato insieme a Milik. Sfumato Pepé, quei soldi, se non meno, sarebbero solo dirottati verso Milano.
Il presidente non è uno stolto e sa benissimo che con due attaccanti così forti lì davanti si affronterebbero le tre competizioni cui parteciperà il Napoli in questa stagione ad altissimo livello, giocandosela alla pari con chiunque. E poiché mai come quest’anno sembra intenzionato a voler vincere finalmente qualcosa di importante, l’auspicio è che farà di tutto affinché la coppia Icardi-Milik diventi presto una realtà.

BOBO

Informazioni su Redazione 1532 Articoli
---

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*