QUINTA VITTORIA

Il Napoli allarga la rosa e si impone in Belgio ottenendo la quinta vittoria consecutiva

BRUGGE – NAPOLI 0 – 1

“Un Napoli così non l’abbiamo mai visto: siamo una bilancia ben fatta”. Queste le parole di Marek Hamsik ai microfoni Sky dopo la vittoria a Brugge che qualche preoccupazione aveva pure destata in Maurizio Sarri che ha dichiarato: “La partita era difficile a livello mentale visto che già eravamo qualificati e, per giunta, non è facile giocare in uno stadio vuoto”. E invece il Napoli, pur senza punti di riferimento, ha seguito gli schemi di gioco, propri di questa squadra.

stadiovuotoComincia la gara con il Napoli schierato con tre titolarissimi su 11, con Chalobah quasi debuttante che deve convincere Sarri di meritare la sua fiducia e Insigne in panchina per un affaticamento muscolare. Non cambia però il modulo e davanti Hamsik, El Kaddouri e Callejon si alternano velocemente nella posizione. Gli azzurri con la maglia rossa europea, fanno gran movimento con la difesa molto alta e per 8 minuti il Brugge non prende palla quasi intimorito di subire un altro passivo disastroso. Tenta Callejon a servire Hamsik, ma la palla finisce lontano dalla porta. Ci prova Lopez che riceve un bel pallone da El Kaddouri, supera un avversario ma conclude sull’esterno della rete. E poi Valdifiori, molto più convincente, mette al centro per Callejon che viene murato. Al 40° Maggio, dopo un duello con Izquierdo, guadagna un angolo: Valdifiori mette al centro e Chiriches insacca. Il Napoli va al riposo in vantaggio meritatamente avendo gestito la partita senza particolari brividi nonostante qualche amnesia di Koulibaly.

Il secondo tempo inizia con una grande galoppata di El Kaddouri che arriva sino al fondo e poi si perde nell’indecisione del suo piede se passare o tirare; ma si fa perdonare dopo servendo Strinic che prova un cross deviato in angolo. Tenta il Brugge di avanzare e Denswil prova da calcio di punizione che finisce fuori. Vossen e Izquierdo avanzano e potrebbero essere pericolosi ma la bandierina dice che c’è il fuorigioco. La voce di Sarri nello stadio vuoto si sente, eccome. Il Napoli rischia di perdere le posizioni, Koulibaly già pensa all’Inter e qualche fuorigioco difende il vantaggio del Napoli. Comunque gli ultimi 10 minuti sono tutti azzurri con Hysaj servito da Maggio che si permette di tentare l’azione gol invece di servire il compagno. L’egoismo da perdonare di chi sente l’orgoglio della maglia. Finisce così una partita non spettacolare ma tanto utile anche per allargare la rosa in prospettiva.

A punteggio pieno il Napoli è il Barcellona dell’Europa League.

FORMAZIONI
BRUGGE: Bruzzese, Meunier, Mechele, Denswil, De Fauw, Vormer, Simons (87° Pereira), Vasquez ( 81° Vanaken), Izquierdo, Vossen, Felipe, Gedoz (81° Diaby)

NAPOLI: Gabriel, Maggio, Chiriches, Koulibaly, Strinic, D. Lopez, Valdifiori, Chalobah (80° Allan ), Hamsik ( 69° Hysaj), Callejon (76° Ghoulam), El Kaddouri

ARBITRO: Avram (Romania)

RETE: 40° Chiriches

AMMONITI: Izquierdo, D. Lopez, Maggio, Denswil

Diana Miraglia

Foto: Mosca

Diana Miraglia
Informazioni su Diana Miraglia 2118 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*