Rinascita Atalanta, Torino e Fiorentina ancora immature. Un rigore dubbio macchia il grandissimo gol di Ronaldo

L’Atalanta sembra rinata, Torino e Fiorentina non si fanno troppo del male. Tra queste la solita vittoria della Juve, che viaggia verso lo Scudetto con una tranquillità senza precedenti.

Secondo successo consecutivo per gli orobici contro il Parma (3-0 aut. Gagliolo, Palomino e Mancini) e la classifica comincia finalmente a muoversi per la squadra di Gasperini. L’eliminazione dal play-off di Europa League aveva minato qualche certezza, il rientro di Ilicic ha aggiustato per ora le cose. Grande difficoltà per i ducali, che hanno creato pochissime insidie ad una squadra ritrovata e con una retroguardia in forma sia a livello difensivo che offensivo.

Torino e Fiorentina non sono andate oltre il pari (1-1 Benassi, aut. Lafont). Entrambe hanno dichiarato di puntare ad un posto in Europa League ma finora punti con squadre di livello non sono mai arrivati. I granata sono parecchio discontinui, i viola invece lontano dal Franchi non riescono a centrare vittorie importanti. Il campionato è lungo e su questo aspetto si potrà sempre migliorare in virtù degli organici di qualità a disposizione dei due allenatori Mazzarri e Pioli.

La Juve vince e domina la Serie A. Questa frase risuona come una cantilena, una filastrocca che non si può cambiare. Neanche quando uno straordinario Empoli conduceva la gara grazie alla rete di Caputo. Il rigore assegnato ai bianconeri ha risolto la partita. Bennacer per tutta la notte si chiederà il motivo per cui, recuperata palla, non abbia spazzato via il pallone. Dybala doveva semplicemente approfittarne e Calvarese non ha esitato. A quanto pare, però, nemmeno coloro che erano al Var hanno esitato.

Questo brutto episodio ha scostato inevitabilmente l’attenzione dal meraviglioso gol vittoria di Ronaldo, un destro chirurgico e violento dalla trequarti che in diagonale ha gonfiato la rete toscana. Vincere così porta naturalmente i tre punti ma non è gratificante, almeno per coloro che guardano da lontano il dominio assoluto della Vecchia Signora in Italia.

Questa mancanza di competitività nel territorio nazionale non recherà danno al rendimento bianconero nelle competizioni europee? A fine anno il quesito sarà finalmente risolto, una volta per tutte.

Lorenzo Gaudiano

 

 

 

Lorenzo Gaudiano
Informazioni su Lorenzo Gaudiano 974 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*