Sarà ancora Reina a difendere la porta del Napoli

 

Ormai è ufficiale: Pepe Reina sarà il n. 25 del Napoli anche per il 2017/18, poi si vedrà. L’accordo è arrivato sulla base del rinnovo sino al 2019: mancano i dettagli e poi il Napoli potrà cercare con calma un successore all’altezza. Dalla fine di maggio, dopo lo screzio a Villa D’Angelo per una battuta del Presidente, si sono succedute settimane di incertezza anche se De Laurentiis continuava a sostenere che Reina sarebbe stato il portiere del Napoli sino alla scadenza del contratto. Ma, non fossero stati appianati i dissapori, il Napoli avrebbe avuto un giocatore ‘assente’ e, in quel caso, poco affidabile. Anzi, a questo proposito si sono creati i due schieramenti, pro e contro Reina. Il tempo della ‘melina’ ha spinto i detrattori ad evidenziare tutte le incertezze o le papere commesse da Reina in questo campionato: una sequenza di immagini estrapolate dal contesto di una partita; né sono seguite le tantissime immagini in cui il portiere del Napoli di ieri e di domani ha salvato il risultato. Se Sarri ha mediato con grande determinazione perché avesse nuovamente le chiavi della porta significa che l’uomo Reina conta molto più di una papera. Sa giocare con i piedi, avvia il contropiede, dirige la linea difensiva: è già tanto, ma Reina è molto di più. La personalità non può essere messa sotto contratto: sia Paolo Cannavaro, sia Marek Hamsik, azzurri nel dna, sono stati tuttavia più volte accusati di mancanza di personalità o la si chiami come si vuole: temperamento, tempra, carisma. E se queste doti sono di un uomo che è innamorato di Napoli, che vive Napoli ogni giorno, che vorrebbe restare a Napoli, vuol dire che la n.25 è di diritto sua.

Diana Miraglia

Diana Miraglia
Informazioni su Diana Miraglia 2113 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*