SCONFITTA MERITATA

La sconfitta del Napoli con lo Young Boys non pregiudica il cammino nell’Europa League: gli azzurri possono recuperare dovendo giocare ancora tre partite di cui due in casa: Il 6 novembre ospiteremo i gialloneri di Uli Forte, poi a Praga e l’11 dicembre chiuderanno con lo Slovan Bratislava. Dunque, tutto è possibile anche non ipotizzando calcoli che col Napoli è meglio non fare. I giocatori, a turno sembra che si facciano coraggio dicendo che possono e vogliono vincere, ma in campo manca il gruppo e troppi sono proprio a margine. In più si nota troppo individualismo che non favorisce l’inserimento a turno degli attaccanti. Finanche Duvan ha tentato in solitudine di stupire pur non dotato di eccelse qualità. Così il turn over peggiora la situazione e la formazione mandata in campo da Benitez a Berna lasciava alquanto perplessi. Henrique e Albiol erano inediti; Jorginho, ancora non in condizioni fisiche ottimali, ha dimostrato una involuzione rispetto allo scorso anno quando, in pochi mesi, cercò di farsi apprezzare in un gioco corale, pur essendo ancora in cerca di se stesso. Davanti Mertens a sinistra ha tentato di muovere le pedine ferme, ma senza quella fantasia che sa esprimere quando si esalta. Al centro, ancora l’oggetto misterioso di nome Michu del quale si possono anche contare le palle toccate. A destra De Guzman che sarebbe meglio considerarlo democristiano. Punta di diamante o zircone, Duvan Zapata che ha tentato con generosità di incidere nella partita, ma che non dotato della leggerezza delle gazzelle, è rimasto sempre spalle alla porta lasciando che si sviluppasse il contropiede dei gialloneri. A dieci minuti dalla fine, e quando il disordine tattico ha preso il sopravvento, non poteva Hamsik o Callejon o Higuain (in 5 minuti), capovolgere un risultato. L’assalto alla baionetta può dare risultati solo quando una squadra che ha giocato con grinta è stata trafitta dalla casualità o dall’ingiustizia: l’assalto alla baionetta come mea culpa ha generato il 2 – 0. Non va.

Diana Miraglia

Diana Miraglia
Informazioni su Diana Miraglia 2057 Articoli
Giornalista

1 Commento

  1. il Napoli ha avuto le sue opportunità. le ha fallite. e colpa dell’allenatore ????? questi risultati sono sempre frutto di una campagna acquisti assurda.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*