Serata amara per gli azzurrini che vincono una partita, ma non il girone

Contro il Belgio l’Italia di Di Biagio vince 3-1, ma non basta: la Spagna, vincendo 5-0 contro la Polonia conquista l’accesso alle semifinali chiudendo il Gruppo A al primo posto. Ciò che si temeva è accaduto.

Al Dall’Ara la Spagna che doveva vincere con più di due gol di scarto per risultare prima nel girone, ha dominato la partita e già alla fine del primo tempo andava a riposo con tre gol di scarto: nella ripresa il pokerissimo ha confermato l’accesso alle semifinali. In gol Fornals, Oyarzabal e Fabian Ruiz, Ceballos e Mayoral. Gli spagnoli son partiti fortissimi e dopo 17 minuti erano già in vantaggio; al 35° Oyarzabal raddoppia e 4 minuti dopo è Fabian Ruiz a trovare il gol decisivo con un tiro potente dalla distanza. Nel secondo tempo, a ritmo meno sostenuto, la Spagna consolida il vantaggio con Ceballos al 71° per chiudere il tempo con Mayoral.

Sull’altro campo, al Mapei Stadium di Reggia Emilia, gli azzurrini scendono in campo con qualche scoria di troppo: Zaniolo (squalificato) e Kean che si erano presentati in ritardo alla riunione tecnica, vengono puniti e Kean resta in panchina. Tuttavia la squadra si compatta e ha un approccio determinato con una linea di difesa molto alta, ma risulta frettolosa e nervosa, confezionando in sequenza palle gol con Barella con un colpo di testa, Chiesa che spara alto e Mandragora con deviazione involontaria di Pellegrini. Al 10°, i belgi si rendono pericolosi con Lukebabio con un sinistro a incrociare, ma in porta c’è Meret che non si fa sorprendere. Intanto l’Italia deve vincere mentre a Bologna giunge il tris di Fabian Ruiz al 39°: finalmente a un minuto dal termine del primo tempo, Barella porta in vantaggio l’Italia. Nel secondo tempo, al 53° Cutrone trova il gol del raddoppio ma Mandragora non riesce a sfruttare occasioni preziose e al 79°, mentre la Spagna ne ha già fatti 4 alla Polonia, l’Italia subisce il gol che addirittura riapre la partita con Verschaeren che trova un gol imparabile mettendo a rischio anche la differenza reti, unica chance cui aggrapparsi ora. Ci pensa però Chiesa a un minuto dal termine a segnare il terzo gol che potrebbe significare moltissimo.
All’Italia ora serve un miracolo per accedere alle semifinali e soltanto lunedì si potranno fare i conti per assegnare alla migliore seconda il pass per continuare l’avventura.
.

Diana Miraglia

Diana Miraglia
Informazioni su Diana Miraglia 2004 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*