Tornano Zielinski, Milik e Koulibaly, lasciamoli lavorare serenamente

Quando Carlo Ancelotti guidava il Bayern Monaco avrebbe fatto carte false per avere in squadra due top player come Piotr Zielinsky e Kalidou Koulibaly : oggi li ha a disposizione e può iniziare a costruire il Napoli che ha in mente….in attesa di Arek Milik. Il polacco si è aggregato alla squadra dopo un mondiale che non lo ha certo esaltato e oggi dovrà lottare non poco per convincere Ancelotti di essere un attaccante da Napoli. Resta anche per i tifosi un ‘oggetto misterioso’ a causa degli infortuni che lo hanno tenuto lontano dal campo, ma proprio gli infortuni lo hanno protetto da critiche espresse finora a bassa voce in attesa di conoscere il campione, secondo in graduatoria come l’acquisto più costoso. C’è da attendere ora soltanto Dries Mertens e il terzino destro ancora da definire per una rosa completa. Il presidente De Laurentiis, ai microfoni di Sky Sport ha dovuto ancora una volta negare ogni contatto per Cavani che continua ad essere invocato dai tifosi come il salvatore della patria. “Il vostro Cavani sono io”, ha dichiarato in una lunga conversazione tesa a sgombrare il campo da ogni ipotesi: “Falcao, Zaza, Giroud, Mariano Diaz, Di Maria, Belotti? Tutti falsi. Ci piace Arias ma stiamo studiando altri 5/6 profili”. E al twitt piccato di Benzema, ha risposto: “Gli chiedo scusa se si è offeso, non volevo. Io dico che non è un calciatore da Napoli. Qualche anno fa sì, ma si vede che aveva altri pensieri per la testa.”
E sarebbe il caso che i tifosi capissero una buona volta che la rosa del Napoli è questa; sarebbe il caso che dessero tempo ad Ancelotti di valutare i giocatori che ha a disposizione e sarebbe il caso di dare fiducia ad un Presidente che ha dato le chiavi del ‘paradiso azzurro’ ad uno dei migliori tecnici non solo d’Europa.
Avanti così, sgombrando la mente dai nomi da cartelloni: c’è Lorenzo Insigne fra i top player che in allenamento ha incantato fino al gol in rovesciata che ha strappato l’ovazione dei tifosi in tribuna; c’è mister 100 milioni, ovvero Kalidou Koulibaly, quello che, quando vede bianco e nero insieme sale in cielo a 2,48; c’è Marek Hamsik, oggetto dei desideri da 10 anni di tutti i club europei, pronto a diventare regista come Paolo Sorrentino per ‘La grande bellezza’. C’è anche un giovanissimo Amadou Diawara che deve ancora esplodere mentre il Totthenam, quest’inverno, aveva già offerto 38 milioni per un ‘pulcino nero’ in panchina. E Rog? Ha spento appena 23 candeline e Ancelotti sta cercando di capire le sue enormi potenzialità. E’ una rosa che può disputare un grande campionato guidato da un tecnico che sa dialogare con De Laurentiis e Giuntoli. Lasciamoli lavorare serenamente.

Massimiliano Pucino

Massimiliano Pucino
Informazioni su Massimiliano Pucino 197 Articoli
Collaboratore

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*