UN GIORNO IN TRIBUNA

Curva Tribuna o Distinti ovunque per tifare

Finalmente Napoli – Fiorentina in Tribuna: Gianluca che aveva sempre assistito alle partite del Napoli in curva B, per i 18 anni aveva chiesto al padre sin da luglio la promessa di varcare l’ingresso delle Tribune: avrebbe scelto lui, quando. Quest’anno doveva giocarsi bene l’unico jolly e non fidandosi ancora del Napoli quando ha incontrato la Juve, ha deciso che era venuto il momento, sentiva che contro la Viola avrebbe potuto godere. Il padre gli disse: “Ma sì sicuro? ‘a Fiorentina è forte e il Napoli può perdere. Aspettiamo il Palermo”. Il fatto è che Mario, che è mio fratello, aveva letto i prezzi delle tribune: 80 euro a persona. Diamine, peggio del dentista. “Allora che dici, Gianlù, rimandiamo?”. “No, no, questa è quella buona” Mario non aveva scelta e giù 160 euro.SANPAOLODIANA2 E ora andiamo. Alle 13.30 Gianluca con Mario sono già in zona: hanno lasciato l’auto lontanissima dal San Paolo. Gianluca che ha sempre vissuto l’aria della curva, oggi si sente milord e vuole comprare la tromba, la sciarpa e i caffè sport borghetti. Mario, rassegnato, già ha fatto 30 e fa 31 e compra tutto. Al controllo i caffè vengono sequestrati: “O bevete o buttate”. Se ne beve metà della razione e finalmente si entra. I posti sono adiacenti alla postazione Sky e accanto alla Tribuna Stampa: una visione celestiale, centrale, così Gianluca mette in azione il cellulare e chiede selfie a tutti, proprio a tutti, compreso Daniele Adani che non può sottrarsi alla richiesta e alle domande. Fischio d’inizio, triplice fischio: Napoli Fiorentina 2 – 1. “Com’è andata Gianlù”, chiede Mario al figlio. Benissimo papà, un sogno, ma in Curva è ‘nata cosa.

Diana Miraglia
Informazioni su Diana Miraglia 2091 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*