UN PUNTO GUADAGNATO O DUE PERSI?

A Genova il Napoli meritava di vincere ma il punto conquistato potrà rivelarsi molto importante a fine campionato.

HIGUAINGENOAIMAGENell’ottica di un campionato mai così equilibrato come quello italiano, dove finalmente non ci sono padroni assoluti, è probabile che il punticino conquistato dal Napoli a Genova potrà rivelarsi assai importante nel rush finale per la conquista delle prime posizioni. Così, almeno, la pensa chi vede il bicchiere mezzo pieno. C’è invece chi dice che, a essere decisivi, potrebbero essere i due punti persi per la mancata vittoria. E questi sono quelli che, il bicchiere, lo vedono sempre mezzo vuoto.

La verità, che come al solito sta nel mezzo, la si può trovare nelle parole di Reina, secondo cui una partita come quella di ieri in altri tempi si sarebbe persa, dando il giusto merito alla squadra che ha nettamente migliorato la fase difensiva rispetto agli ultimi anni.

È evidente che un po’ di stanchezza comincia ad affiorare in quegli elementi che hanno tirato la carretta finora ma, con un saggio turnover tra coppa e campionato, il problema potrà essere tranquillamente risolto. Higuain, Callejon, Hamsik, Allan, Ghoulam e Hysay, apparsi meno brillanti del solito nella partita di Genova, sono quelli che forse meriterebbero più di altri di rifiatare. Le alternative ci sono e Sarri saprà sfruttarle a dovere, a cominciare dalla prossima partita di Europa League contro i danesi del Midtjylland. Gabbiadini, El Kaddouri, David Lopez, Valdifiori, Strinic  e Maggio, infatti, non aspettano altro che scendere in campo e dimostrare tutto il loro valore.

Quest’anno, a differenza di quelli precedenti, il Napoli ha una risorsa in più: diversi ricambi all’altezza dei titolari. Ecco perché il bicchiere andrebbe visto mezzo pieno.

Roberto Rey

Roberto Rey
Informazioni su Roberto Rey 788 Articoli
Vignettista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*