Una pagliuzza rispetto a una trave

Questo il post di Gianfranco Minervino, pubblicato su Fb

Cari amici mi rifaccio all’immagine di pessimo gusto postata dal nostro caro amico in comune Peppe Iannicelli.
Questa immagine , di un bimbo che fà la pipì sulla maglietta della Juve , ha determinato reazioni di sdegno , critiche , tutte giuste , anzi io aggiungo che ai genitori di questo bimbo andrebbero impartite le norme elementari del rispetto e dell’educazione civica .
Detto questo mi domando ma per quale motivo non è stato dato ( almeno ) lo stesso risalto a quello che viene sottoposto il popolo napoletano ogni santa domenica ?
Perché Peppe Iannicelli Peppe ed altri addetti ai lavori sentono il desiderio , legittimo per carità , di stigmatizzare un post di un bimbo con genitori decerebrati e non decine e decine di migliaia di adulti che non perdono occasione in ogni dove auspicando lo sterminio di un’intera popolazione?
Certo le istituzioni hanno fatto il loro ridimensionando le sanzioni e di fatto derubricando a semplici sfottò , si avete letto bene augurare un eccidio viene definito tale , cori di discriminazione razziale.
Scusatemi ma a me indigna molto non leggere una riga dicasi una riga su un andazzo che sta lentamente portando all’agonia un fenomeno sportivo come quello del calcio in Italia .
Tutti noi , in particolar modo gli addetti ai lavori , devono scuotere l’opinione pubblica perché il gesto becero di un bimbo non può essere diverso da quello che viene perpetrato in ogni dove contro Napoli ed i napoletani.
Attendo fiducioso grida di protesta dagli stessi che non perdono occasione di individuare una pagliuzza rispetto alla trave che domenica dopo domenica penetra sempre più profondamente nell’orgoglio e nell’identità di un popolo.

Informazioni su Redazione 1469 Articoli
---

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*