Vai avanti Napoli

Non a caso si dice che i peggiori nemici delle donne siano le donne; i peggiori nemici dei napoletani siano i napoletani , purtroppo i peggiori nemici del Napoli sono i (falsi) tifosi del Napoli.
Che la terza sconfitta abbia fatto calare una coltre grigia sull’umore che si percepisce in città, è innegabile. In metrò o ai bar, tra le bancarelle, nei negozi si discute solo del perché è successo: e in tal caso si nota l’ottimista, l’analista, il pessimista ed anche il disfattista, ovvero chi si bea di poter trionfare su un prossimo crollo. Un po’ come tanti napoletani che parlano della propria città come capitale della delinquenza, sporca e sommersa dai rifiuti, fino al post-video del milanese che mostra una realtà tutta diversa e comunnque omogenea. Milano al 1° posto per reati come furti e borseggi con Napoli confinata al 14° posto. Spazzatura magari 1 – 1.

Tornando al calcio è ben chiaro che il Napoli stia vivendo un momento di crisi di identità ma il tifoso disfattista dovrebbe essere messo a tacere da coloro che comprendono la necessità di star vicino alla squadra. L’orgoglio di essere napoletani si sveglia soltanto quando Napoli viene pesantemente offesa e i napoletani discriminati; così contro il Napoli, le maggiori firme di quotidiani potenti possono sguazzare come vogliono perché la difesa di Napoli come del Napoli fa acqua e, anzi Napoli offre il fianco per essere attaccati o ignorati come ha fatto Tuttosport. Il tifoso “vuole vincere” e pretende sempre più perché in dodici anni ha potuto percorrere una strada di successi: belle vittorie, bel gioco, Champions ed Europa League. 12 anni da protagonisti. Ora la flessione è evidente e se avessimo quei 4 punti che ci son stati negati, saremmo a 18 punti. Tuttavia gestire un dopo Higuain non era facile ( qualcuno ricordi il dopo Maradona ); gestire l’infortunio di Milik appena inserito negli schemi della squadra è stato da panico e Sarri ha pagato l’eccesso di integralismo che però gli dava certezze. Riavvolgiamo la pellicola e vai avanti Napoli. Si cade ma sono tanti i tifosi che ti tendono la mano.

Diana Miraglia

Diana Miraglia
Informazioni su Diana Miraglia 2036 Articoli
Giornalista

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*