Vietato distrarsi, si pensa al Genoa

O si parla di Napoli – Genoa o vado via”. Inizia così la conferenza stampa di Maurizio Sarri che teme l’attesa di mercoledì più dell’attacco di Ronaldo. “ I giocatori devono riuscire ad estraniarsi da tutto – spiega il tecnico -; non ci devono essere retro-pensieri; dobbiamo prepararla bene perché col Genoa è sempre complicato. E’ una squadra difficile da sfidare, va a duelli uomo contro uomo in tutto il campo: servirà grande lucidità”. E non dimentica, Sarri, che pur vincendo di goleada, la squadra continua a concedere troppo per errori grossolani, quindi è legittimo dire che la più forte è la prima in classifica, “anche se noi esteticamente siamo più godibili”.

Vietato distrarsi quindi, piuttosto è bene pensare alle scelte da fare: “Ci sono varie soluzioni – chiarisce Sarri -; si può decidere di andare avanti così facendo un solo cambio o cambiare ruolo a tutti i giocatori offensivi: ci sono ancora due allenamenti per decidere”. Nessuno crede che Sarri sia ancora in dubbio e a chi gli chiede di Pavoletti, il tecnico dichiara: “Si allena con continuità, sta crescendo. Non è certo brillante e leggero da migliorare in poche sedute, ma essendo forte fisicamente, ha bisogno di più tempo. Avrebbe bisogno di minuti in campo, ma noi non possiamo sempre concedere minuti a chi non ancora al top”. Tutti i tifosi hanno imparato a conoscere Sarri un po’ alla volta e sanno che, diversamente da altri allenatori, non butta nel mischione chi non ha assimilato i meccanismi d’intesa, così dalle sue parole sembra capire che domani Pavoletti non dovrebbe scendere in campo dal primo minuto. Inoltre gli ultimi due allenamenti serviranno anche a rivedere insieme Albiol e Koulibaly dopo due mesi pronti ad assumersi per intera la responsabilità contro il Real Madrid.

E quasi a conclusione della conferenza stampa due note dolenti: la prima riguardante il calcio italiano “ridotto così” che non riesce a trattenere i suoi gioielli; e la seconda, una notizia apparsa su “Il Tempo” secondo cui Sarri avrebbe già incontrato la Juventus”. E sarà causa per risarcimento danni da devolvere in beneficenza.

Diana Miraglia

Informazioni su Redazione 1575 Articoli
---

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*