Villareal-Napoli 1-0: la pagella degli azzurri

Chiriches
Chiriches, il migliore degli azzurri insieme a Strinic

Reina – 6: a inizio gara rimedia a un rilancio sbagliato con una gran bella parata. Sulla punizione, con la quale il Villarreal trova il vantaggio, non sembra avere gravi responsabilità.

Hysaj – 6: gioca una discreta gara difensiva limitando le volate in avanti perché preoccupato dai continui attacchi di due brutti clienti come Costa e Suarez.

Chiriches – 6,5: ancora una volta dimostra di essere all’altezza dei titolari. Tiene bene Soldado ed è sempre pronto nell’aiutare Hysaj andando a raddoppiare sul pericoloso Suarez.

Kuolibaly – 6: disputa un’ottima partita fino a venti minuti dalla fine, quando commette un paio di errori, forse causati da un calo di concentrazione, che fanno infuriare Sarri.

Strinic – 6,5: Sarri gli concede un’altra chance e lui lo ripaga spingendo molto e bene sull’out sinistro, creando diversi pericoli alla difesa spagnola. È decisivo in un paio d’interventi difensivi in piena area di rigore.

David Lopez – 6: ha il grande merito di farsi trovare ancora una volta pronto e il suo lo fa dedicandosi, come al solito, ad un oscuro ma utilissimo lavoro a centrocampo (dal 38° s.t. Allan – sv).

Valdifiori – 6: meglio nel primo tempo. Nella ripresa gioca meno bene, forse perché condizionato dall’ammonizione. Non ha le stesse capacità in marcatura di Jorginho, ma si rende comunque utile distribuendo con ordine palla in mezzo al campo e calibrando qualche buon lancio per gli attaccanti, come quello con cui mette Callejon solo davanti alla porta.

Hamsik – 6: pur non brillando come in altre occasioni, molto probabilmente perché stanco, gioca comunque una discreta partita. Molte delle azioni offensive azzurre partono dai suoi piedi. Purtroppo, però… dai suoi piedi partono anche alcuni pericolosi contropiede degli avversari a seguito di alcuni passaggi sbagliati in fase di attacco.

Callejon – 6: finisce spesso in fuorigioco in attesa del lancio a Valdifiori. Quando finalmente trova il tempo giusto d’inserimento, sbaglia il tiro di piatto mandando la palla fuori. Prezioso come al solito in alcuni recuperi, uno addirittura in piena area di rigore nella zona opposta a quella di sua competenza (dal 27° s.t. Insigne – 6: prova a darsi da fare cercando di vivacizzare l’azione in attacco e, soprattutto, sacrificandosi in fase di copertura).

Gabbiadini – 5,5: sembra avulso dal gioco, dimostrando ancora una volta di non avere le caratteristiche giuste per il modulo attuale adottato da Sarri. Un paio di tiri telefonati e nulla più. Non potrà mai essere il vice Higuain perché non è una prima punta (dal 22° s.t. Higuain – 6: l’impegno c’è ma manca il tempo per poter incidere sulla gara).

Mertens – 6: ci mette tanto impegno cercando di rendersi utile sulla fascia sinistra, ma non sempre i risultati sono quelli sperati. Bella una sua velocissima ripartenza conclusa con un diagonale che non centra la porta. Meglio di altre volte in fase di copertura.

Sarri – 6,5: pur perdendo col minimo scarto per un gol su punizione, gli azzurri hanno giocato una buona partita contro un’avversaria per nulla facile che in campionato ha battuto squadroni del calibro di Real Madrid e Atletico Madrid. Nonostante il turnover di ben sei elementi, il Napoli ha espresso il solito buon calcio, senza però trovare il gol. Gli unici errori che si potrebbero imputare a Sarri sono la mancata sostituzione di Hamsik, visibilmente stanco, e il perseverare nel vedere in Gabbiadini il vice Higuain. Ma forse vi è costretto non avendo altre opzioni in quel ruolo.

Roberto Rey

Roberto Rey
Informazioni su Roberto Rey 788 Articoli
Vignettista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*