Vincono i danesi ma regna l’equilibrio. La Croazia prima da sola nel girone dell’Argentina

Esclusione di Paolo Guerrero all’inizio, il ct Ricardo Gareca si affida a Farfan, l’uomo che ha realizzato il primo dei due gol decisivi nella qualificazione contro la Nuova Zelanda. L’ allenatore della Danimarca Åge Hareide che non era riuscito a portare la Norvegia alla fase finale del mondiale c’è riuscito invece con i danesi. Si affida ovviamente alla stella di Eriksen in appoggio a Sisto.

Fisicità della Danimarca, talento e rapidità del Perù: è così che può riassumersi questo Danimarca-Perù. In chiusura di primo tempo Cueva getta alle ortiche un rigore per il Perù, calciando alle stelle. Nella ripresa la Danimarca fa sua la partita e con l’invenzione di Eriksen che lancia Poulsen verso la porta avversaria passa in vantaggio: controllo di destro e tiro di sinistro che si insacca nell’angolino. A nulla serve l’ingresso del bomber Guerrero in campo, che si rende sì pericoloso ma che non riesce a portare al tanto sperato pareggio gli uomini di Gareca. L’ultimo quarto d’ora i danesi si difendono con i denti e Schmeichel si rende protagonista con almeno tre parate decisive che mantengono a galla i suoi permettendo cosi ai danesi di portare i 3 punti a casa.

Croazia contro Nigeria è la partita per decidere chi sarà la vera antagonista dell’Argentina, in realtà non apparsa irresistibile contro l’Islanda che è un’altra squadra che visto il pareggio prestigioso portato a casa, potrà dire la sua. Tantissima qualità quella mostrata dai croati con i vari Modric, Rakitic, Perisic e Mandzukic veri e propri fiori all’occhiello di questa nazionale. La Nigeria, sicuramente più dotata fisicamente, si affida soltanto alle ripartenze con Ighalo terminale offensivo che non riesce a pungere più di tanto. Possesso palla a favore della Croazia e qualità del gioco che fa la differenza: tutto questo porta ad un 2 a 0 finale con i croati che passano nella prima frazione di gioco grazie ad un autogol di Etebo e chiudono poi la pratica nella ripresa con un rigore trasformato da Modric. Ottima la prestazione di Mandzukic che risulta determinante in entrambe le reti e Croazia che potrà certamente dire la sua in questo mondiale.

Marco Boscia

Marco Boscia
Informazioni su Marco Boscia 160 Articoli
Collaboratore

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*