Zero i punti in classifica lontano dal Vigorito. Domani al Mapei Stadium il Benevento cercherà di invertire il trend

Sette sono le partite mancanti al termine della stagione ed alla conclusione, secondo molti, della prima storica esperienza in massima serie del Benevento. Quei 13 punti in classifica pesano come una condanna alla retrocessione, che viene facilmente etichettata come irreversibile. E’ giusto questo atteggiamento? Sicuramente no.

La trattenuta su Diabatè non sanzionata dall’arbitro contro la Juventus, uno dei tanti torti subiti in stagione dal Benevento

Il girone di ritorno ha dimostrato finora che il Benevento con una politica sul mercato più intelligente ad inizio stagione avrebbe potuto giocarsela alla pari con le squadre che attualmente si stanno dando battaglia per la salvezza. I sanniti ogni settimana scendono in campo per ottenere il miglior risultato possibile attraverso il gioco, mostrando tra l’altro quella cattiveria agonistica che in passato squadre nella stessa situazione non hanno avuto interesse ad impiegare.

Il rammarico per alcune partite dove non si è riusciti a fare punti resterà, ma oramai quelle fanno parte del passato. Le prossime sette, che sicuramente non saranno le ultime in Serie A della formazione campana, costituiranno l’occasione per vendere cara la pelle e raccogliere punti. Anche perché (e qui la frase fatta ci sta tutta) fin quando la matematica non condanna bisogna continuare a credere nella salvezza.

Domani la trasferta di Sassuolo sarà il banco di prova per questo Benevento. Al Mapei Stadium si affronteranno la squadra col peggiore rendimento in casa e quella che in trasferta ancora non ha conquistato punti in campionato. Gli uomini di Iachini possono vantare grande qualità e velocità in attacco e in contropiede potrebbero fare male. Sarà utile per gli stregoni avere il pallino di gioco e cercare di finalizzare il più presto possibile per costringere gli emiliani ad un atteggiamento in campo diverso da quello abituale.

E’ giusto che “l’aspetto agonistico possa essere più importante di quello tecnico-tattico”, come ha dichiarato De Zerbi a La Gazzetta dello Sport. Ma è altrettanto giusto sorprendere in certi casi l’avversario con qualche innovazione tattica per evitare di essere fin troppo prevedibili. Domani saranno fondamentali per la conquista dei primi punti lontano dal Vigorito sia l’atteggiamento tattico dei sanniti sia una direzione arbitrale seria e lineare al regolamento del calcio.

Lorenzo Gaudiano

 

 

Lorenzo Gaudiano
Informazioni su Lorenzo Gaudiano 818 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*