Tiempo ‘e zampogne

Tradizione, malinconia, spiritualismo: tutto in una poesia scritta da Carlo Avvisati che crede nella Napoletanitudine, cercando e cercando nel passato la nostra storia. “Tiempio ‘e zampogne” è il dono che lo scrittore, giornalista ha voluto fare ai lettori di Contropiede Azzurro per ricordare ad ogni napoletano le proprie radici. Un Buon Natale originale, speciale di un napoletano ai milioni di napoletani sparsi nel mondo. Ieri gli zampognari: oggi in una poesia nell’arcaica lingua partenopea.

ZAMPOGNATiempo ‘e zampogne

L’avimmo visto, ‘st’anno n’ata vota,
‘o tiempo ‘e quanno sonano ‘e zzampogne:
ma comme vota ‘e pressa chesta rota
haie voglia d’’a fremma’ cu ddiente e ogne.

Se sente ‘addore ‘e ‘ncienzo ‘mmiez’’a via,
sciùliano ‘a dint’’e spase ‘e capitune,
na vecchia murmurea n’Avummaria,
sparano quacche tracco duje guagliune;

ullero – ullero, abboffa ‘o zampugnaro,
ullero – ullero, canta ’a ciaramella,
mente cu ‘o ffuoco sotto, int’’a caurara,
se coceno ‘e ccacace cu ‘e nnucelle.

‘o pasticciero, dint’’a na vetrina,
mo spanne ‘e roccocò cu ‘e susamielle;
‘o verdummaro, affianco ê mandarine,
ha fatto nu Vesuvio cu ‘e friarielle.

Pitta nu San Giuseppe ‘o pasturaro,
‘mperetta ‘o canteniero tutt’’o vino.
Na figliulella, doppo ‘o paro e ‘o sparo,
accatta, p’’o presebbio, nu Bammino.

‘Ntratanto, ‘o zampugnaro cagna casa,
e abboffa n’ata vota int’’a zampogna,
mente pe’ ssott’’e pporte sisca e trase
na tramuntana ca ne zompa ll’ogne.

Venuto è ‘o tiempo ca nascette Dio,
pe’ chist’at’anno e pe’ tant’anne ancora,
ma nun vola p’’o munno l’alleria
saglieno ‘e vvoce ‘ncielo add’’o Signore:

nu cchiù trivule e guaje, arrassusia!
Nu cchiù, nu cchiù, Signo’, taluorne e gguerre!
Tu ca si ‘o pate ‘e tutte, ca si’ Dio,
mànnace ‘a pace ‘ncopp’a cchesta terra.

(Poesia di Carlo Avvisati)

Carlo Avvisati
Informazioni su Carlo Avvisati 51 Articoli
Giornalista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*